Nasoallinsù incrementa la capacità produttiva con Leister

 

Con sede a Varese ma clienti in tutto il mondo, Nasoallinsù è un’azienda che si è conquistata un’ottima reputazione nel segmento delle strutture gonfiabili: progetta infatti realizzazioni di grande impatto visivo seguendo le indicazioni dei clienti e le produce interamente nello stabilimento di proprietà, in modo da mantenere il controllo su tutte le fasi della lavorazione e sulla qualità del risultato finale.

Blasonate agenzie di marketing e comunicazione, aziende specializzate nella realizzazione di eventi e griffes di notorietà planetaria in diversi settori si sono rivolte a Nasoallinsù  rimanendo perfettamente soddisfatte dai risultati (nella foto, un’installazione realizzata per la Paris Fashion Week 2023).

 

Un’attività in espansione

La perfetta combinazione di creatività e pragmatismo di Nasoalinsù si traduce in manufatti dall’aspetto innovativo con una resistenza alle sollecitazioni tale da poter svolgere perfettamente la loro funzione per tutta la durata prevista dell’evento e spesso anche oltre.

Questo ha portato la domanda per le creazioni dell’azienda a conoscere un notevole aumento in poco tempo, tanto da cogliere di sorpresa anche Tommaso Ponti, legale rappresentante dell’azienda.

Nel giro di poco tempo abbiamo capito che l’incremento delle richieste non era un picco isolato ma stava diventando strutturale; questo ci ha messi di fronte alla necessità di aumentare rapidamente la capacità produttiva per continuare a evadere le richieste nei tempi rapidi ai quali i nostri clienti son abituati”, spiega Ponti.

 

Le strutture ad “aria prigioniera”

Una parte crescente dei nuovi ordini ricevuti da Nasoallinsù riguarda strutture gonfiabili ad aria prigioniera: a differenza delle tradizionali strutture cucite, non presentano forellini di cucitura e rimangono quindi gonfie senza che si debba utilizzare un motore per insufflare aria mano a mano che questa esce dai fori per mantenere la forma della struttura. 

L’azienda realizza queste strutture saldando le membrane plastiche invece di cucirle. La saldatura di per sé non è un’innovazione particolarmente dirompente: sono numerosi i produttori di macchinari che permettono di saldare fra loro teli in PVC, a condizione però che la saldatura richiesta sia dritta.  Questo è peraltro un limite inaccettabile per Nasoallinsù, che fa della complessità e originalità delle sue realizzazioni un punto di forza e di differenziazione rispetto alla concorrenza, e che realizza costantemente strutture che prevedono saldature su forme tridimensionali.

Per ottenere una saldatura dalla tenuta impeccabile senza rinunciare alla varietà delle forme, da diversi anni ormai Nasoallinsù utilizza SEAMTEK W-2000 AT, macchinario prodotto da Leister, multinazionale svizzera leader nel proporre soluzioni per la lavorazione della plastica.

 

Una soluzione innovativa

In grado di saldare manufatti di grandi dimensioni con il suo telaio largo ben due metri, SEAMTEK W-2000 AT permette di compiere numerose lavorazioni utilizzando tessuti tecnici: saldare a sovrapposizione, nastrare, orlare e realizzare bordi con cordoncini di rinforzo. Affidabile e versatile, grazie all'innovativa tecnologia Leister a cuneo caldo può saldare a velocità variabili adattando in automatico la quantità di energia trasferita dal cuneo al materiale da saldare.

Il processo di saldatura risulta estremamente silenzioso, garantendo così un elevato comfort di utilizzo per l'operatore. SEAMTEK W-2000 AT è anche una macchina che rende possibile saldare PVC in totale sicurezza; il cuneo caldo alimentato in bassa tensione rende infatti possibile una saldatura senza emissioni di fumi, garantendo condizioni di lavoro ottimali per l'operatore. E per saldare con precisione anche curve e geometrie complesse che caratterizzano l’offerta di Nasoallinsù, SEAMTEK W-2000 AT permette di variare la velocità di saldatura con il semplice azionamento di un pedale.

La rapidità con la quale il sottile cuneo si riscalda e si raffredda rende la saldatura facile, sicura e molto efficiente: i consumi energetici sono ridotti dal momento che il cuneo viene scaldato solo nell'istante in cui sta eseguendo la saldatura. Inoltre il PLC che controlla la macchina consente di memorizzare un gran numero di ricette di saldatura, facilitando il cambio di materiale o spessore e permettendo di ripartire velocemente.

 

Lasciare o raddoppiare?

Quando Tommaso Ponti si è trovato davanti al rischio di dover rinunciare a parte dei nuovi ordinativi, la soluzione più logica è apparsa subito come l’acquisto di un nuovo macchinario: ma dove trovarlo in tempi rapidi, con gli ordini che continuavano ad arrivare e la capacità produttiva dell’azienda ormai saturata?

Fortunatamente la strada più praticabile per raddoppiare il nuovo macchinario si è rivelata essere anche la più intuitiva: acquistare una nuova SEAMTEK, questa volta nella versione W-900 AT, ovvero con telaio da 900 mm anziché la dimensione extra-large di 2 metri della 2000 AT.

Non appena Nasoallinsù ha comunicato a Leister l’esigenza di dotarsi urgentemente di una nuova SEAMTEK, insieme sono state valutate le diverse possibilità ed alla fine la decisione è stata quella di acquistare la saldatrice disponibile nella sede di Segrate con consegna immediata. Detto fatto, il cliente ha mandato un trasportatore ed in un battibaleno la saldatrice era già presso lo stabilimento di Nasoallinsù, pronta per lavorare. Al resto ha poi pensato il personale di Nasoallinsù che, essendo già abituato alla macchina, ha potuto dispiegare da subito la sua capacità produttiva, permettendo all’azienda di evadere tutti gli ordini rispettando così gli impegni di consegna.

Aspettative soddisfatte

Avendo già avuto modo di apprezzare la soluzione SEAMTEK W-2000 AT, Tommaso Ponti ha avuto conferma anche della capacità di Leister di fornire un servizio di consegna efficiente e puntuale: si è quindi confermata la previsione fatta poco tempo dopo il primo acquisto, quando Ponti aveva affermato che, nel caso si fosse reso necessario aumentare la capacità produttiva, si sarebbe rivolto nuovamente a  Leister. Il sodalizio continua quindi nel migliore dei modi.

Per chi desiderasse toccare con mano le potenzialità della famiglia SEAMTEK di saldatrici, Leister ne ha sempre a disposizione un modello presso la propria sede e può fornire dimostrazioni pratiche della sua efficienza e produttività nell’eseguire saldature di tutti i tipi, dalle più semplici alle più complesse.